Firenze: il Comandante Generale Luzi in visita al Comando Legione “Toscana” ed al 6° Battaglione “Toscana” – IL REGGINO

(304) Nella giornata odierna, presso la caserma “ Gen. A. Baldissera” di Firenze, il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Generale di Corpo d’Armata Teo Luzi, ha visitato il Comando Legione Carabinieri Continue reading “Firenze: il Comandante Generale Luzi in visita al Comando Legione “Toscana” ed al 6° Battaglione “Toscana” – IL REGGINO”

Condividi sui social

Gavoi (Nu): i Carabinieri soccorrono neonato – IL REGGINO

(297) Alle ore 15.00 circa odierne, nei pressi della Stazione CC di Gavoi, due coniugi urlavano in strada chiedendo aiuto. Personale effettivo all’Arma locale, libero dal servizio, udite le grida, raggiungeva subito i Continue reading “Gavoi (Nu): i Carabinieri soccorrono neonato – IL REGGINO”

Condividi sui social

Palermo: Carabinieri, operazione Gordio – IL REGGINO

(286) Nelle prime ore di oggi, nella provincia palermitana ed in più regioni del territorio nazionale, la Direzione Distrettuale Antimafia – Sezione territoriale “Palermo”- della locale Procura della Repubblica,  ha Continue reading “Palermo: Carabinieri, operazione Gordio – IL REGGINO”

Condividi sui social

Protocollo d’intesa tra l’Arma dei Carabinieri e l’Autorità di regolazione dei trasporti per una maggior tutela dei diritti dei passeggeri – IL REGGINO

(275) Il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, Gen. C.A. Teo Luzi e il Presidente dell’Autorità di regolazione dei trasporti, Dott. Nicola Zaccheo, hanno sottoscritto oggi un protocollo d’intesa che disciplina Continue reading “Protocollo d’intesa tra l’Arma dei Carabinieri e l’Autorità di regolazione dei trasporti per una maggior tutela dei diritti dei passeggeri – IL REGGINO”

Condividi sui social

Catania: Carabinieri, operazione “Piombai”. Le donne spacciavano con i figlioletti in braccio, 25 arresti (video) – IL REGGINO

(274) L’operazione eseguita stamani dai Carabinieri di Catania, che ha consentito l’arresto di 25 persone, ha permesso altresì di delineare la partecipazione attiva nell’organizzazione di tre donne fra cui la moglie e la Continue reading “Catania: Carabinieri, operazione “Piombai”. Le donne spacciavano con i figlioletti in braccio, 25 arresti (video) – IL REGGINO”

Condividi sui social

Cagliari, Cosenza, Frosinone, Latina, L’Aquila, Milano, Roma e Sassari: R.O.S. dei Carabinieri, 12 indagati per discriminazione etnica e religiosa – IL REGGINO

(272) Il 7 giugno il ROS, con il supporto in fase esecutiva dei Comandi Provinciali Carabinieri di Cagliari, Cosenza, Frosinone, Latina, L’Aquila, Milano, Roma e Sassari, ha eseguito una misura cautelare personale Continue reading “Cagliari, Cosenza, Frosinone, Latina, L’Aquila, Milano, Roma e Sassari: R.O.S. dei Carabinieri, 12 indagati per discriminazione etnica e religiosa – IL REGGINO”

Condividi sui social

Catanzaro: Carabinieri, operazione “Alibante”. Con 17 arresti 2 misure interdittive colpita la “cosca Bagalà” (video) – IL REGGINO

(247) Nelle prime ore della giornata odierna, in provincia di Catanzaro, nei comuni di Lamezia Terme, Nocera Terinese, Falerna e Conflenti, e nelle città di Aosta, Arezzo e Cosenza, i Carabinieri del Nucleo Continue reading “Catanzaro: Carabinieri, operazione “Alibante”. Con 17 arresti 2 misure interdittive colpita la “cosca Bagalà” (video) – IL REGGINO”

Condividi sui social

Bologna: il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri in visita al Comando della Legione “Emilia Romagna” – IL REGGINO

(244) Nel pomeriggio il Signor Generale di Corpo d’Armata Teo Luzi, che il 16 gennaio scorso ha assunto la carica di Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri, ha visitato il Comando della Legione Carabinieri Continue reading “Bologna: il Comandante Generale dell’Arma dei Carabinieri in visita al Comando della Legione “Emilia Romagna” – IL REGGINO”

Condividi sui social

Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale: i traffici d’arte nel 2020 all’ombra della pandemia. Oltre 500.000 i beni culturali recuperati – IL REGGINO

(242) È stato l’annus horribilis del nostro tempo. Eppure nemmeno il Covid ha fermato i “ladri della bellezza”. Nel 2020 i trecento Carabinieri del Comando TPC, posti alle dipendenze del Ministero della Cultura e Continue reading “Comando Carabinieri Tutela Patrimonio Culturale: i traffici d’arte nel 2020 all’ombra della pandemia. Oltre 500.000 i beni culturali recuperati – IL REGGINO”

Condividi sui social

Catanzaro: D.D.A., operazione congiunta R.O.S. Carabinieri e Nucleo Polizia Economico-Finanziaria Guardia di Finanza porta a 49 arresti (video) – IL REGGINO

(240) Il Raggruppamento Operativo Speciale dei Carabinieri e il Nucleo di Polizia Economico-Finanziaria della Guardia di Finanza di Catanzaro, coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia della Procura della Continue reading “Catanzaro: D.D.A., operazione congiunta R.O.S. Carabinieri e Nucleo Polizia Economico-Finanziaria Guardia di Finanza porta a 49 arresti (video) – IL REGGINO”

Condividi sui social

Roma: Carabinieri, operazione “Grande carro”. Arrestato cittadino rumeno estradato in esecuzione a mandato di arresto europeo – IL REGGINO

(239) Nel pomeriggio odierno, a seguito di prolungata attività investigativa dei carabinieri del ROS, è stato tratto in arresto, presso la frontiera aerea di Roma Fiumicino, il ricercato PRICHICI STAIA Ion, cittadino Continue reading “Roma: Carabinieri, operazione “Grande carro”. Arrestato cittadino rumeno estradato in esecuzione a mandato di arresto europeo – IL REGGINO”

Condividi sui social

Ancona: Carabinieri Forestali, operazione “Atacama”. 1000 cactus tornano nel loro ambienta naturale, rimpatriate in Cile le rarissime piante sequestrate – IL REGGINO

(237) La sinergia tra Autorità Italiane e Cilene ha consentito uno storico “rimpatrio” di circa mille cactus, sequestrati dai Carabinieri Forestali nell’operazione “ATACAMA” ed estirpati dal 2015 al 2019 nei deserti cileni da un trafficante di piante protette residente in Provincia di Ancona. In questi giorni sono giunti a destinazione i rarissimi cactus appartenenti al genere Copiapoa, sequestrati lo scorso anno dai Carabinieri Forestali del Nucleo Carabinieri CITES di Ancona presso l’abitazione di due trafficanti di piante protette residenti nelle Province di Ancona e Rimini. Continue reading “Ancona: Carabinieri Forestali, operazione “Atacama”. 1000 cactus tornano nel loro ambienta naturale, rimpatriate in Cile le rarissime piante sequestrate – IL REGGINO”

Condividi sui social

Messina: operazione “Alcantara”, 26 arresti. I Carabinieri sgominano due bande che distribuivano droga nella zona di Taormina e Giardini Naxos – IL REGGINO

(236) Nel corso della notte, i Carabinieri del Comando Provinciale di Messina hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal G.I.P. presso il Tribunale di Messina su richiesta della Continue reading “Messina: operazione “Alcantara”, 26 arresti. I Carabinieri sgominano due bande che distribuivano droga nella zona di Taormina e Giardini Naxos – IL REGGINO”

Condividi sui social

Isernia: appartenente al clan “Spada” festeggiato al suo arrivo con fuochi pirotecnici, dai domiciliari al carcere in 7 giorni – IL REGGINO

(216) Nel pomeriggio di ieri 20 aprile 2021 in Isernia, i Carabinieri della Compagnia del luogo, hanno dato esecuzione al provvedimento emesso  della Prima Corte di Assise di Appello di Roma, che ha disposto la Continue reading “Isernia: appartenente al clan “Spada” festeggiato al suo arrivo con fuochi pirotecnici, dai domiciliari al carcere in 7 giorni – IL REGGINO”

Condividi sui social

Europol: operazione “Trivium XIV”. 151 arresti 70.000 persone controllate in tutta Europa per contrastare la criminalità mobile – IL REGGINO

(215) Tra il 13 e il 16 aprile 2021, le forze di polizia di 17 Paesi* hanno preso di mira le bande di criminalità organizzata attive in tutta Europa, nell’ambito dell’ultima edizione dell’operazione Trivium. L’operazione è Continue reading “Europol: operazione “Trivium XIV”. 151 arresti 70.000 persone controllate in tutta Europa per contrastare la criminalità mobile – IL REGGINO”

Condividi sui social

L’Arma dei Carabinieri esprime le condoglianze per la morte del Lgt. C.S. Giovanni Cipullo, Comandante della Squadra Comando, del Reparto Comando della Legione Carabinieri Campania, vittima del coronavirus – IL REGGINO

(214) Oggi l’Arma dei Carabinieri piange l’ennesimo militare che, nella serata di ieri dopo una strenua lotta, è venuto a mancare a causa del Covid-19. Il Luogotenente Carica Speciale Giovanni Cipullo non ha superato Continue reading “L’Arma dei Carabinieri esprime le condoglianze per la morte del Lgt. C.S. Giovanni Cipullo, Comandante della Squadra Comando, del Reparto Comando della Legione Carabinieri Campania, vittima del coronavirus – IL REGGINO”

Condividi sui social

Vallo di Diano (Sa): Carabinieri, operazione “Shamar”. 7 arresti per traffico di rifiuti ed inquinamento ambientale (video) – IL REGGINO

(192) Alle prime luci dell’alba di oggi, i Carabinieri del Comando Provinciale di Salerno hanno dato esecuzione ad un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP del Tribunale di Potenza – su richiesta della Direzione Distrettuale Antimafia – nei confronti di sette persone (una in carcere, cinque agli arresti domiciliari ed una sottoposta all’obbligo di dimora), tutte ritenute responsabili di associazione per delinquere finalizzata al traffico illecito di rifiuti e inquinamento ambientale. In carcere Luigi Cardiello, già oggetto di numerose indagini in materia ambientale condotte dalle Procure di Napoli e Santa Maria Capua Vetere tra gli anni ’90 e l’inizio degli anni 2000, che gli avevano valso il soprannome di “Re Mida” dei rifiuti (operazioni Re Mida e Cassiopea).

Le attività, condotte dal Nucleo Investigativo di Salerno e dalla Compagnia Carabinieri di Sala Consilina, costituiscono un autonomo filone dell’inchiesta denominata “febbre dell’oro nero”, nel corso delle cui captazioni era emerso in forma assolutamente chiara l’impegno di DIANA Raffaele, già coimputato assieme a CARDIELLO nelle indagini sopra richiamate (Re Mida e Cassiopea), di agevolare l’ex compagno d’affari nella ricerca di nuovi siti di illecito stoccaggio e sversamento per rifiuti pericolosi, frutto di lavorazione industriale.

Sebbene DIANA non abbia poi proseguito nelle condotte criminose, gli iniziali accordi tra i due erano stati ritenuti sufficienti dagli inquirenti per aprire un nuovo fronte di indagine nei confronti dell’ex Re Mida, ritenuto, sia per capacità che per rilievo criminale, certamente in grado di gestire una nuova organizzazione completamente autonoma nel traffico di rifiuti, con proiezioni verso territori sino ad ora inesplorati dalle organizzazioni criminali operanti nel settore.

Da subito, infatti, emergeva l’esigenza di CARDIELLO di individuare nell’area del Vallo di Diano ed in quelle limitrofe della Basilicata nuovi terreni che non dessero adito a particolari sospetti e che fossero ben collegati con gli assi viari principali, per facilitare le operazioni di trasporto.

Le conseguenti investigazioni da parte dei militari dell’Arma, coordinate  dalla D.D.A. potentina e condotte con il supporto di moderne attività tecniche, ma, soprattutto, con i tradizionali servizi di osservazione occulta e di prossimità, hanno circoscritto comportamenti illeciti riconducibili alle lavorazioni della società “PRA. CAL” di Polla (SA), operante nel settore del ferro e dell’alluminio e della società “BETONVAL” di Sant’Arsenio (SA), già operante nel settore del cemento, le quali si sono rivolte all’organizzazione criminosa facente capo a CARDIELLO per uniche finalità di profitto, volte al considerevole risparmio dei costi aziendali rispetto allo smaltimento legale dei rifiuti prodotti. Entrambe le società sono state sottoposte a sequestro preventivo.

L’organizzazione delittuosa è risultata particolarmente pericolosa per avere piena disponibilità di terreni di proprietà degli indagati, i cui fondi sono stati trasformati in discariche – costituite per la maggior parte da liquami composti da acidi – dannosissime per le ripercussioni sull’ambiente e con alterazioni incalcolabili (e forse irreparabili) per l’eco-sistema.

L’orizzonte investigativo è stato necessariamente contratto in ragione de1lle preminenti esigenze di salvaguardia del territorio (da qui il nome Shamar – parola ebraica il cui significato può tradursi in custodire gelosamente, tenere caro, ritenere prezioso). È stato infatti necessario impedire che i continui sversamenti trasformassero il Vallo di Diano nella nuova “terra dei fuochi” a disposizione della criminalità organizzata campana.

Nell’ottobre 2019, sono stati così intercettati e sequestrati 18.000 (diciottomila) litri di solventi chimici pronti allo sversamento nel Comune di Atena Lucana (SA). La pericolosità di tali rifiuti era ben nota agli indagati, uno dei quali, addirittura, se ne lamentava al telefono con i propri complici facendo riferimento al fatto che il liquido trasportato aveva corroso la vernice del proprio veicolo. Le successive operazioni di scavo, campionatura ed analisi svolte assieme all’ARPAC hanno quindi permesso di certificare come il terreno fosse stato avvelenato da precedenti sversamenti. Situazione già peraltro ben evidente dalle fotografie aeree eseguite con droni, le quali palesavano nei terreni oggetto di sversamento chiazze colorate che hanno poi guidato con successo le operazioni dell’ARPAC, i cui esami evidenziavano la presenza di rifiuti speciali pericolosi rientranti nella categoria “HP 14 Ecotossico”.

Quanto rilevato assume connotati di drammatica importanza nella misura in cui il territorio interessato è qualificato area naturale protetta, essendo parte della Riserva Naturale Foce Sele – Tanagro.

In tale maniera si è quindi impedito che l’organizzazione allargasse il proprio raggio d’azione ad altri siti, in parte già individuati nel Comune di Tursi (MT) e in parte oggetto di una pianificata espansione ancora a livello embrionale nella provincia di Foggia.

Solidi riscontri al quadro probatorio già delineato sono arrivati dalle dichiarazioni fornite da uno dei complici non inserito nei destinatari di misura cautelare, altrettanti se ne prevedono dalle successive attività di scavo che la D.D.A. intende avviare nei prossimi giorni.

L’operazione in argomento dimostra ancora una volta l’altissimo livello di attenzione che la Procura della Repubblica di Potenza e l’Arma dei Carabinieri riservano alla tutela dell’ambiente, del territorio, e, più in generale, della salute dell’uomo.

PERSONE COLPITE DA PROVVEDIMENTI:

  • CARDIELLO Luigi (misura cautelare in carcere);
  • CARDIELLO Gianluigi (misura cautelare degli arresti domiciliari);
  • CARDIELLO Giovanni (misura cautelare degli arresti domiciliari);
  • QUAGLIANO Pasquale (misura cautelare degli arresti domiciliari);
  • NISI Simone (misura cautelare dell’obbligo di dimora nel comune di Sala Consilina);
  • PINTO Francesco (misura cautelare degli arresti domiciliari);
  • PINTO Raffaele.

PERSONE INDAGATE:

  • LANGONE Vincenzo.

Condividi sui social

Carabinieri NAS: 693 controlli anti-Covid sui mezzi di trasporto pubblico. Positivi al virus 26 tra bus e treni locali (video) – IL REGGINO

(176) Nel corso dell’attuale emergenza sanitaria, il Comando Carabinieri per la Tutela della Salute ha realizzato, in stretta intesa con il Ministero della Salute, una campagna di controlli a livello nazionale al fine di verificare la corretta applicazione delle misure di contenimento epidemico nell’ambito dei servizi di trasporto pubblico, allo scopo di tutelare la salute dei numerosissimi utenti che usufruiscono dei mezzi di trasporto.

Gli interventi condotti negli ultimi giorni hanno interessato 693 veicoli adibiti al trasporto, tra autobus urbani ed extraurbani, metropolitane, scuolabus, collegamenti ferroviari locali e di navigazione, ma anche biglietterie, sale di attesa e stazioni metro.
Tra gli obiettivi controllati 65 hanno evidenziato irregolarità, principalmente connesse con l’inosservanza delle misure di prevenzione al contagio da COVID-19, quali la mancata esecuzione delle operazioni di pulizia e sanificazione, l’omessa cartellonistica di informazione agli utenti circa le norme di comportamento ed il numero massimo di persone ammesse a bordo, l’assenza di distanziatori posti sui sedili e di erogatori di gel disinfettante o il loro mancato funzionamento.

Complessivamente sono stati deferiti alle competenti Autorità giudiziarie 4 responsabili di aziende di trasporto, per non aver predisposto le procedure di sicurezza ed igiene nei luoghi di lavoro a favore degli operatori, e sanzionati ulteriori 62 responsabili per irregolarità amministrative, irrogando sanzioni pecuniarie pari a circa 25 mila euro.

Le attività di verifica sono state supportate dall’esecuzione di 756 tamponi di superficie su mezzi di trasporto e stazioni (obliteratrici, maniglie e barre di sostegno per i passeggeri, pulsanti di richiesta di fermata e sedute), svolti in collaborazione con i locali servizi di ASL, Agenzie di Protezione Ambientale ed enti universitari, che hanno curato anche la fase di esame analitico per la ricerca del COVID-19.

Tra i tamponi di superficie raccolti, sono stati rilevati 32 casi di positività per la presenza di materiale genetico riconducibile al virus, individuati in autobus, vagoni metro e ferroviari operanti su linee di trasporti pubblici di Roma, Viterbo, Rieti, Latina, Frosinone, Varese e Grosseto. Il riscontro della presenza di materiale genetico del virus sulle superficie dei mezzi di trasporto, seppur non indice di effettiva capacità di virulenza o vitalità dello stesso, rileva con certezza il transito ed il contatto di individui infetti a bordo del mezzo, determinando la permanenza di una traccia virale.

Le attività di controllo dei Carabinieri NAS proseguiranno al fine di tutelare la salute dei cittadini e della collettività, con particolare riguardo agli aspetti connessi con il contesto di emergenza epidemica in atto.

Principali situazioni operative:

NAS Roma

Il NAS della Capitale, con il supporto di personale tecnico dell’Agenzia Regionale di Protezione Ambientale del Lazio (ARPAL), ha eseguito, oltre ai controlli sull’osservanza delle misure di prevenzione al contagio, il prelievo di 42 tamponi su automezzi e vetture metro e ferroviarie della rete di trasporti pubblici urbani ed extraurbani. A seguito delle analisi di laboratorio sono state rilevate 11 positività di campioni risultati prelevati da un autobus urbano, da 4 autobus di linee extraurbane della Capitale e da 6 vagoni della linea ferroviaria extraurbana Roma Lido. I tamponi risultati positivi alla presenza del COVID-19 erano stati prelevati da punti ritenuti sensibili, quali maniglie di apertura delle vetture, pulsanti di chiamata della fermata, barre di sostegno dei passeggeri e poggiatesta dei sedili.

NAS Latina

Nel corso di verifiche sulla rete di trasporto urbano di Latina e Frosinone, sono state accertate 10 positività al COVID-19 rilevate su parti comuni di 5 autobus, uno del capoluogo pontino e 4 di quello ciociaro, a seguito di una serie di tamponi eseguiti unitamente all’ARPA Lazio su vari mezzi operanti per il servizio pubblico di movimentazione passeggeri. Le risultanze hanno determinato l’immediato avvio di operazioni di sanificazione straordinaria sui veicoli impiegati.

NAS Viterbo

Nell’ambito delle ispezioni condotte su automezzi delle linee di trasporto pubblico nelle provincie di Viterbo e Rieti, sono stati eseguiti anche tamponi all’interno delle vetture. A seguito delle risultanze analitiche ottenute dal laboratorio dell’Agenzia Regionale di Protezione Ambientale del Lazio, sono emerse 9 positività rispettivamente riconducibili a 5 casi su Viterbo e 4 su Rieti individuati su bus impiegati nei servizi di trasporto municipale.

NAS Milano

Nell’ambito di controlli da parte del NAS di Milano su molteplici servizi di trasporto pubblico delle province di Milano, Como, Varese e Monza-Brianza (linee urbane ed extraurbane di bus e metro, ferrovie locali e traghetti di navigazione laghi), sono stati eseguiti anche 72 tamponi sia nelle vetture che nei locali di attesa e biglietterie, principalmente nei punti ritenuti più critici per la potenziale diffusione virale, come sedute, maniglie e pulsantiere. Gli esami di laboratorio svolti dall’Istituto Zooprofilattico Sperimentale della Lombardia hanno rilevato la positività al COVID relativa ad un tampone prelevato su un bus di linea afferente un’impresa privata operante nella provincia di Varese. Prontamente sono state avviate le procedure di ulteriore sanificazione su tutti i veicoli della flotta e approfondimenti sulle modalità di svolgimento delle ordinarie operazioni di pulizia e prevenzione anche connesse con le misure di contenimento. L’attività di controllo del NAS ha ricevuto il plauso da parte delle aziende di trasporto operanti nel capoluogo lombardo.

NAS Livorno

I militari del NAS, supportati dal personale tecnico dell’Azienda USL Toscana, hanno eseguito un’ispezione presso il deposito automezzi sito in Grosseto appartenente ad un’azienda di trasporto passeggeri di linea extraurbana. La verifica, finalizzata ad appurare le procedure di sanificazione in materia di contrasto al Covid-19 previste dalla normativa sui mezzi di trasporto, è stata integrata dall’effettuazione di tamponi sulle superfici di 3 bus presenti. A seguito dall’esame analitico di laboratorio, è risultato positivo un tampone ambientale eseguito sulla “pulsantiera di fermata” di uno degli automezzi, per il quale gli operanti hanno sottoposto a fermo, sino ad avvenuta sanificazione generale e ripristino delle condizioni di sicurezza.

Il responsabile della società di trasporti è stato segnalato all’Autorità Amministrativa per avere omesso di adottare idonei protocolli atti alla sanificazione dei mezzi utilizzati per il trasporto pubblico.

NAS Catanzaro

Il NAS di Catanzaro ha accertato che un autobus della società di trasporti di Lamezia Terme (CZ) non era stato sottoposto alla prescritta disinfezione ed era sprovvisto dei dispenser igienizzanti. Per tale motivo è stata elevata nei confronti dell’amministratore la sanzione amministrativa di euro 400.

NAS Trento

I Carabinieri del NAS di Trento hanno deferito all’Autorità Giudiziaria il dirigente di una società, quale datore di lavoro, gerente la stazione ferroviaria di Rovereto (TN) poiché è stato accertato che alcune uscite di emergenza erano chiuse in modo da non permettere una corretta evacuazione in caso di un’eventuale allarme. È stata inoltre rilevata la mancata distinzione delle corsie di afflusso in entrata e in uscita degli utenti dalle biglietterie e dai binari, tali da causare incroci tra gli utenti.

NAS Lecce

I Carabinieri del NAS hanno constatato il mancato rispetto circa il divieto del servizio di biglietteria a bordo di un autobus della locale società di trasporti operante nell’area urbana di Lecce. Era inoltre mancante il dispenser per igienizzare le mani e la cartellonistica sia sul numero massimo di passeggeri consentito che sui comportamenti da attuare per contrastare la diffusione del virus. È stata elevata la sanzione amministrativa di euro 400 nei confronti dell’Amministratore della società.

NAS Torino

A conclusione di un’ispezione, è stato deferito all’Autorità Giudiziaria il datore di lavoro delegato e il responsabile del servizio di prevenzione e protezione di una azienda di trasporti pubblici del comune di Perosa Argentina (TO), poichè ritenuti responsabili di non aver sostituito, all’interno della sede operativa aziendale, i presidi medici di primo soccorso scaduti di validità e non aver apposto la prevista cartellonistica informativa sul rischio di contagio da Covid-19 presso i locali adibiti a deposito e lavaggio degli automezzi.

Condividi sui social

Latina: Carabinieri NAS, smantellata associazione per delinquere dedita al traffico internazione di farmaci di provenienza illecita – Il Reggino

(160) Nelle prime ore della mattinata odierna, i Carabinieri del Nas di Latina, a conclusione di un’articolata indagine, convenzionalmente denominata “farmaco viaggiante”, hanno dato esecuzione a 18 misure cautelari Continue reading “Latina: Carabinieri NAS, smantellata associazione per delinquere dedita al traffico internazione di farmaci di provenienza illecita – Il Reggino”

Condividi sui social

Arma dei Carabinieri: il Generale di Corpo d’Armata Bernardini assume la carica di Vice Comandante Generale – IL REGGINO

(151) Nella mattinata odierna, presso la Sala di Rappresentanza del Comando Generale dell’Arma dei Carabinieri, si è svolta la cerimonia di avvicendamento nella carica di Vice Comandante Generale, fra il Generale di Continue reading “Arma dei Carabinieri: il Generale di Corpo d’Armata Bernardini assume la carica di Vice Comandante Generale – IL REGGINO”

Condividi sui social